Filcams Cgil del Trentino

Contro tutte le precarietà

Cammino Indigeno

Una pagina sul mondo

In Chaco, in Argentina e nel Paraguay la cooperazione deve liberarsi dalle pastoie burocratiche e dai signorotti di turno per essere parte viva della popolazione.
Non un auspicio mala sintesi del nostro impegno come aderenti al “Cammino Indigeno” si sono dati dopo la visita in sud America nel novembre 2007.
Abbiamo visitato la zona del Chaco chiamata l’impenetrabile, descrivere quanto abbiamo visto è impossibile, tanta è la violenza sociale che si è abbattuta su queste popolazioni indigene nel completo disinteresse delle amministrazioni locali e nazionali e del mondo intero.
Condizioni di vita che non riesce a descrivere in quanto non ci sono sufficienti vocaboli per definire quella realtà o per rispondere agli interrogativi dei bambini che non chiedono assistenza, ma impegno a porre fine al loro assurdo dramma sociale. Persone colpevoli solo di essere indigeni e di voler difendere con i denti la terra e le loro tradizioni. In tutti noi è stato forte il senso di dolore, di rabbia e di colpevole impotenza difronte a questo scandalo umano.
Una violenza che non è dovuta al caso ma è il risultato di politiche neoliberiste accompagnate da un potere politico che esclude, come hanno più volte denunciato senza successo, le comunità indigene.
Scandalo che avviene in una realtà dove la provincia di Trento ha investito, negli ultimi anni svariati milioni di euro attraverso l’associazione Trentini nel mondo ed in particolare nel progetto “Progano”. Un progetto che è stato un vero fallimento di un modo di fare cooperazione imperniato solo sui contributi ma avulso dalla realtà locale.
A nostro avviso qualcosa non funziona nel meccanismo della cooperazione in quanto risulta propensa ad “imporre” progetti anziché farsi carico delle richieste che vengono dai rappresentanti locali: basterebbe dare loro la terra e gli strumenti per lavorarla, uscire delle monocolture e puntare sulle produzioni locali.
Per questo appare sempre più assurdo il silenzio e la latitanza dei rappresentanti della PAT di Trento davanti a questa realtà che per i soldi stanziati è un vero fallimento politico e dello spirito cooperativo.
Questa pagina sarà interamente riservata alle notizie e alle proposte che i visitatori del Blog vorranno fare sul tema della Cooperazione internazionale ed in particolare sulle realtà del Chaco e del Paraguay.

Articoli di approfondimento:

Annunci

3 commenti »

  1. Amicci: io sono figlio di italiani 8con doble cittadinanza: argentinoitaliana).
    Ustedes han tenido la enorme posibilidad de haber visto con vuestros propios ojos cual es la realidad de los pueblos originarios (hermanos Tobas en este caso).
    Son 500 años de marginalidad, de olvido, de discriminación. DE TODOS (LEASE BIEN) DE TODOS LOS GOBIERNOS EN ESTE CASO DE ARGENTINA. CON UN ACCIONAR VERGONZANTE: INCLUSIVE EL GOBIERNO ACTUAL QUE SI DEDICA UNA MINIMA MIRADA A ESTOS PUEBLOS OLVIDADOS: ES POR PRESION DE DETERMINADOS SECTORES POPULARES QUE TRATAN DE AYUDAR ANTE UNA SITUACION DESESPERANTE). DESNUTRICION, FALTA TOTAL DE MEDICINAS, DE ROPAS, CARENCIAS DE LAS MAS ELEMENTALES CONDICIONES PARA UNA VIDA DIGNA.
    AQUI SON/SOMOS TODOS CULPABLES: PRESIDENTES, GOBERNADORES, INTENDENTES, DIPUTADOS, MINISTROS…Y TAMBIEN GRAN PARTE DEL PUEBLO QUE MIRA PARA OTRO LADO.
    lA SITUACION ES DESESPERANTE: PONGO A VUESTRA DISPOSICIÓN ESTE VIDEO, DONDE EL DEFENSOR DEL PUEBLO DE LA NACION ARGENTINA, CON SUS PROPIAS PALABRAS NO DEJA LUGAR A DUDAS.

    Un sincero
    abrazo
    Nestor Nanni
    DNI 5218219
    tel. 542214533105
    nestornanni@yahoo.com.ar

    Commento di nestor nanni | 18 dicembre 2008 | Rispondi

  2. Caro Amico Nestor, a nome di tutti i compagni che fanno parte del CAMINO INDIGENO ci ha fatto un grande piacere del ricevere il tuo commento ,

    -Estimado amigo Nestor, a nombre de todos los compañeros che son parte del “CAMINO INDIGENO” ha sido un gran placer recibir tu intervento.

    IL tuo ragionamento sulla le cause del GENOCIDO che subiscono le comunità Indigena, del Chaco ( wichi, Mocovi, Toba) sono le conseguenza,de che i governi Nazionale da sempre ( senza differenza di partito politico e storicamente da 500 anni) No hanno Mai tenuto conto della decisione politica, che permettesse a queste comunità superare la loro condizione di discriminazione , abbandono totale che ancora oggi, continua a fare dei morti in questa popolazione per denutrizione , TBC , fa che questa tragedia sia vergognosa di fronte al Mondo ha dire il vero, ha fatto che qualche timida rispota di parte di governo del Chaco ha questa emergenza abbia dato.
    Costretto per le denuncie e mobilitazione portate avanti delle organizazione DDHH che ha atto che la suprema corte di giustizia intime al governo intervenire in merito

    -Tu razonamiento sobre la causa del GENOCIDIO que subren las comunidades indigenas, del Chaco ( wichi, Mocovi, Toba)son la consecuencia de quel el gobierno de la Nacion de tiempo ( sin diferencia de partido politico y historicamente de 500 anos) No han tomando nunca jamas ninguna desicion politica, que permitiera a estas comunidades superar , ha estos la condicion de discriminacion, abbandono total che hace que se continue ha morir en estos pueblos, por causa de desnutricion, TBC,esta tragedia es una verguenza en el Mondo , aunque si ha sucedido que de parte del gobierno del Chaco una timida repuesta a esta emergencia ha dado, presionado por la denuncias y mobilizacion de Organzizaciones de DD HH, que han obligado a che la suprema Justicia intime al gobierno a intervenir en merito

    Il scopo di D’ avere iniziato Questo Camino Indigeno ; ci ha permesso visitando la realtà de la zona del Impenetrable dove vivono le distinte comunita Indigena di avere parlato con le popolazione e da quando abbiamo rientrato e come lo testimonia tutti gli articolo del nostro Blog , stano a confermare il tuo analisi.

    -El objetivo de haber iniciado este “CAMINO INDIGENO” nos ha permitido visitando la realidad del zona de IMPENETRABLE, donde viven la distintas comunidad Indigenas, de haber visto , hablado con estas poblaciones y del momento de nuestro regreso hemos, comenzado como lo demuestra nuestros articulos del BLog ha dar prueba che estan a confirmar tu analisis.

    Pero alla mancanza di una politica a favore degli indigene del governo del Chaco,che le riconosca i diritti di “ESSISTERE” . Abbiamo constato con grande amarezza che anche il governo di Trento che da 15 anni ha destinato milioni di Euro per finanziare progetti di cooperazione al sviluppo che si sono dimostrati fallimentari .

    -Pero a la falta de Politica del Gobierno del Chaco , que le reconosca a los indigenas el derecho a” EXISTIR”. Hemos comprobado con grande pena che tambien el Gobierno de Trento che de 15 años ,que ha destinado millones de euros en financiar proyectos de cooperacion al desarrollo , sus resultados han demostrado que fueron un fracaso.

    No solo no ha prodotto nessun beneficio concreto alla popolazione della zona dove si sono realizatti ,e succeso che anche i Nostri representante della gestione di questi progetti, negando ragione de sensibilita e solidarietà NO hanno ,fatto nulla in tutti questi anni per dare una risposta minima all emergenza de tipo alimentario ,sanitario , e lo piu grave e che il Trentino ha una legge de cooperazione che prevede come priorità, di dare riposta ha queste emergenza che si verificano in ogni parte dell MONdo.

    -No solo no han producilo ningun beneficio concreto ,en la poblacion de la zona donde se han ejecutado, ha sucedido che tambien Nuestro representate de la gestion de estos proyectos; negando razones de sensiblidad y solidariedad NO han , hecho nada en todos estos años para dar un repuesta minima a la Emergencia de tipo alimentario, sanitarioy los mas grave es que el Trentino tiene una ley de Cooperacion , que considera una prioridad , dar repuesta ha este tipo de emergencia que se verifican en las distintas parte del MUndo.

    Il nostro obbiettivo come Associazione el Puerto , e quello di sensiblizare , informare alla popolazione di Trento che anche la mancanza di trasparenza della cooperazion trentina e parte la cause che continuanio a fare vittima nelle comunità Indigene , e per questo da tempo stiamo denunciamo al governo de Trento, sull sprego che stato finanziare progetti di cooperazione che no hanno beneficiato no solo alle popolazione del chaco ne anche tenuto un minimo de attenzione a mettere in atto iniziativa che permettesse a lla popolazione Indigene di limitare le conseguenza di questo”GENOCIDIO”

    -Nuestro objetivo como Asociacion “EL Puerto”, e di sensibilizar, informar a la poblacion de TRENTO , que el hecho de una falta de trasparencia de la Cooperacion trentina, es parte de la causa che continuan a hacer victimas en las comunidades Indigenas, y por esto esto de tiempo estamos denunciando al Gobeirno de TRENTO , sobre el esprego que ha sido finanziar proyectos que no han beneficiado ,No solo la poblacion del Chaco ,Tampoco han tenido un minimo de atencion en actuar inciativas , que hubieran permitido a la poblacion Indigena de Limitar la consecunecia de este “Genocidio”

    Noi te chiediamo sentendoti ,gia parte del “CAMINO INDIGENO” di continuare , ha utilizzare nostro Blog per mantenere aggiornato con notizie ,documentari , filmati, sulle le distinte iniziative che te o altre amici possono farci avere e che per le azione che stiamo portando avanti sono de vitale importanza .

    -Nosotros te solicitamso sintiendote , ya parte del “CAMINO INDIGENO” de continuar , ha utilizzare nuestro Blog , para mantener actualizado con noticias, documentales , filmados, sobre la distintas iniciativas que voz o otros amigos pueden hacernos llegar y que para la acciones que estamos llevando adelante son de vital importancia.

    Te ringraziamo restando nella attesa d’ altri interventi , cordiali saluti .
    -Te agradecemos , quedando a la espera de otros interventos, cordiales saludos

    HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Omar Serra

    http://www.associazioneelpuerto.com

    Commento di Omar Serra ASSOCIAZIONE" ELPUERTO" | 21 dicembre 2008 | Rispondi

  3. Querido Omar: hago propicia esta oportunidad para dejarte un abrazo profundo…desearìa que te conectaras conmigo, estamos un poco alejados.
    Abrazo
    Nestor
    nestornanni@yahoo.com.ar

    Commento di nestor | 6 agosto 2009 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: