Filcams Cgil del Trentino

Contro tutte le precarietà

PAGANO LE ESCORT, MA NON PAGANO LE TASSE. (10,100,1000 CORTINA)

Non siamo riusciti a trovare un titolo diverso a queste righe. In questo paese strampalato in cui a pagare sono sempre gli stessi e guarda caso sono quelli che hanno di meno, quelli che però la ricchezza la producono ma la vedono con il binocolo, c’è stata una levata di scudi per il blitz che ha messo a nudo le poco raccomandabili frequentazioni della “perla delle dolomiti”.
Non stravediamo per le divise, né per le azioni eclatanti con ampia risonanza mediatica. Preferiremmo un costante e capillare controllo, e un paese in cui il pagamento delle tasse non è appannaggio di un esercito di silenziosi e pazienti eroi.
Non possiamo però non far presente che il lusso sfrontato, sbracato e volgare che fa la spola tra la Costa Smeralda in estate e Cortina d’Ampezzo in inverno, si è sempre saputo fosse figlio del malaffare e del banditismo.
Come non possiamo non rilevare che questo malcostume connaturato da sempre con le abitudini della (pseudo)imprenditoria italiota, abbia trovato nell’epoca del craxismo prima e del berlusconismo poi il brodo di coltura per esplodere in maniera esageratamente spudorata.
Un Presidente del consiglio e la sua corte di fiscalisti, tributaristi, avvocati che hanno legittimato l’evasione fiscale, l’evasione contributiva, l’arrivismo e il carrierismo come uniche virtù e unici meriti, come sinonimo di capacità e di saper fare, hanno alimentato e coccolato questo becero malcostume.
Ovvio che non ci lasciamo abbagliare. Ovvio che i mali del nostro paese sono altri: il sistema economico, autentico capitalismo d’accatto per di più decadente, un’imprenditoria famelica e parassitaria, un sistema politico corrotto e arraffone, insomma tutti gli elementi classici di una più che matura economia di mercato.
Però la cornice di un sistema di questo tipo non potrebbe essere diversa da quel che si è visto a Cortina: auto extralusso a fronte di redditi da terzo livello metalmeccanico.
Quanto successo a Cortina è o no l’altra faccia della medaglia delle serate a Palazzo Grazioli, dei Mora, dei Tarantini, del Billionaire? Dei “furbetti del quartierino” e della buonanima di Don Verzè?
Come può non lasciare di stucco il fatto che all’arrivo della finanza gli scontrini dai registratori di cassa hanno cominciato a uscire copiosi come farfalle impazzite, quadruplicando le entrate dei bottegai?
E come stupirsi se Lega e Pdl e i pennivendoli a loro organici hanno strepitato contro questo “regime poliziesco” che creerebbe un clima di terrore, danneggiando così il turismo invernale? Della serie “pecunia non olet”!
Come non ricordare tutte le leggi, i provvedimenti sfornati a beneficio di questo branco di parassiti? Chi ha scordato la depenalizzazione del falso in bilancio fino ad arrivare allo scudo fiscale?
Penoso leggere le dichiarazioni del responsabile dell’Apt di Campiglio che finge di non capire quale sia la posta in palio. E’ chiaro che le sue reazioni si espongono alla classica domanda se abbia o meno la coda di paglia. Vorremmo sapere se fosse successo a Campiglio come si sentirebbe? Sarebbe contento se quasi metà dell’economia si reggesse su denari frutto di evasione? Ma ancor di più ci piacerebbe sapere cosa pensa del fatto che il 40% dei controlli abbia dato esito positivo proprio mentre a lavoratori e pensionati si chiedono sempre maggiori sacrifici.
Capito Masè, sacrifici…do you know?

luigi bozzato

Advertisements

7 gennaio 2012 - Posted by | Sindacato

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: