Filcams Cgil del Trentino

Contro tutte le precarietà

Mandato d’arresto per Ciro Russo

E’ rimbalzata anche sulla stampa locale la notizia del mandato di arresto di Ciro Russo da parte della magistratura paraguaiana con l’accusa di aver falsificato delle firme che chiedevano l’allontanamento della consultore Elisabetta Deavi.
Non entro nel merito della denuncia da parte della magistratura del Paraguay e dei suoi risvolti giuridici ma voglio soffermarmi sui suoi risvolti morali e politici di questa vicenda che va aggiunta ai problemi dei lavoratori della fabbrica di riciclaggio della plastica di Luche. Un esempio di come con i soldi stanziati dalla provincia si sottopagavano i lavoratori e come il responsabile (Ciro Risso) sulla stampa di oggi usi gli stessi argomenti dei vecchi padroni delle ferriere per denigrare chi chiede e rivendica i propri diritti. Si i propri diritti e non beneficenza o concessioni da parte dei vari principi o vassalli all’estero.
Non è sufficiente dare solidarietà a Ciro se non si affrontano le questioni vere che emergono da questa vicenda: Il bisogno di trasparenza, la gestione degli stanziamenti per l’emigrazione trentina e la cooperazione internazionale.
Da questa vicenda, dove le notizie o non arrivano o sono frammentarie emerge con sempre maggiore evidenza la necessità di conoscere tutti i risvolti, partendo dai finanziamenti e dal loro impiego. Il presidente Dellai deve intervenire con i necessari chiarimenti a tutela dell’Istituzione Provincia chiamata in causa dalle vicissitudini di Russo e quindi garantire l’indispensabile trasparenza su quanto fatto dalla PAT, pubblicando su Internet, tutti i dati: l’ammontare dei finanziamenti in Argentina, il loro utilizzo, i bilanci contabili e le ricadute economiche che sociali degli interventi finanziati.
Una richiesta di trasparenza sui finanziamenti nella regione del Chaco Argentino, in Paraguay, ecc. dove ci risulta che, non solo siano presenti sperperi ingiustificati, ma che le ricadute sul territorio sono quasi inesistenti. Vogliamo trasparenza anche per i lavoratori della fabbrica di riciclaggio della plastica di Luche in Paraguay. Fabbrica costruita con i contributi della PAT, e dove ci risulta che i lavoratori siano stati pagati con un salario inferiore ai minimi di legge e poi licenziati solo perché chiedevano i loro diritti.
Quanti fatti, comrpesa la vicenda giudiziaria di Ciro Russo raffroza la richiesta di quanti chiedono un approccio diverso ai problemi dell’emigrazione e della cooperazione internazionale, superando una situazione che con l’imposizione di una sola associazione per gli aiuti agli emigrati ha trasformato l’ATM da organizzazione di volontariato a braccio operativo della provincia. Una scelta che apre una grave ferita democratica e nel pluralismo culturale e associativo trentino.
Finanziare progetti faraonici e calati dall’alto ha generato sprechi, diseconomie e qualche problema con la giustizia. Quindi bisogna lavorare per costruire una rete di interventi capaci di coinvolgere la popolazione locale.
Da mesi come associazione “Amici del Sudamerica” abbiamo volantinato in città chiedendo trasparenza sui finanziamenti nel Chaco e nell’America del sud senza avere risposte da parte di Dellai.
Adesso davanti all’inchiesta della magistratura del Paraguay ci domandiamo se il presidente della PAT continuerà a mantenere un atteggiamento di colpevole chiusura o si deciderà a rendere accessibili a tutti, tramite internet, quanto stanziato dalla provincia in materia di emigrazione e cooperazione internazionale con i relativi documenti contabili.
Come cittadino trentino che paga le tasse attendo una risposta da parte di Dellai.


Ezio Casagranda “Amici del Sudamerica”.


Trento 24 marzo 2010

Annunci

25 marzo 2010 - Posted by | Internazionale | , , , , , , , , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. Se Dellai non intrviene su questa questione che la filcams ha provato a portare all’attenzione dei trentini un paio d’anni fa SCENDEREMO IN PIAZZA!!! Spero che in piazza saremo tanti.

    Commento di Amilcare | 25 marzo 2010 | Rispondi

  2. Dellai e Burli GO HOME! GO HOME!

    Commento di Albascura | 25 marzo 2010 | Rispondi

  3. Credo che sul mandato di arresto del signore Ciro Russo!!!( responsabile dei progetti de cooperazione in Sud America) si la giustizia del Paraguay segue il filone sulla la gestione dei progetti di cooperazione, Trentina , dovrebbe con la loro inchiesta dimostrare tutto il marcio che ce sotto…
    Gli Amici di Sud America e la FILCAMS CGIL DEL TRENTINO; da tempo stiamo denunciando la mala gestione de questi progetti DI COOPERAZIONE , che si sono dimostrati fallimentari, perché, no hanno portato nessuno benefici , hai discendente d’ emigrante Trentini , ne meno ci stato una ricaduta sul territorio?

    So che per la classe politica, del Trentino sia questa, che appartenga alla maggioranza o opposizione in questi giorni . hanno sostenuto il operato de questo Signore Ciro Russo!!!! ce una logica da tropo tempo, le distinte commissione che sono andate in tutti questi anni a verificare la validità dei progetti, che da sempre si denunciano che sono delle “cattedrale Nel deserto” al loro rientro in Trentino , dopo un viaggio di turiste , si fa una relazione dove la cooperazione Trentina in Argentina – Brasile , Paraguay grazie al Missionario de Ciro Russo , e un grande bene perché, benefici che reca ha nostri discendenti , Trentini per loro sono stati evidente….

    Quello che No abbiamo capito in questi anni e perché la PAT no pubblica????????? in internet i bilanci in rosso delle cooperative ,
    Che gestiscono questi progetti e quanti sono i trentini che si sono beneficiato, in questi anni????
    E questo signore Politici , volere essere trasparente con la gestione del soldi , che sono le tasse che pagano i Trentini e gli straniere!!!!!!!!!!!

    Per le nostre posizione Il presidente Dellai in occasione di un nostro intervento chiedendo Trasparenza , CI ha chiamato Faccinerossi. Io penso che questi modi appartengono a Berlusconi

    Pero!!!!! sorvoliamo questo particolare………. Io le suggerirei , Si per caso dovrebbe leggere i commenti o qualcuno dei suoi le riferisca; che sarebbe meglio per i tempi che corrono dar una riposta , al nostra richiesta di Trasparenza sulla cooperazione in Sud america,,,,,

    Perche personalmente anche io sono convinto che in tempi di crisi economica come il che stiamo vivendo, ci sarano tanti in Piazza a esigere TRASPARENZA !!!!!!!!!!!!!!! CE TEMPO….. NO SI CONTINUE A GIOCARE CON LA PAZIENZA DEL POPOLO TRENTINO……

    Omar Serra “Amici del Sud America”
    .

    Commento di Omar serra | 26 marzo 2010 | Rispondi

  4. Sul giornale L’Adige di ieri (25 marzo 2010) nella cronaca riguardante la vicenda che ha coinvolto Ciro Russo ho letto le seguenti affermazioni:”…. la gestione esterna avrà durata di 12 mesi … nel frattempo i lavoratori potranno avere un salario regolare, cosa che non hanno avuto … nella gestione della cooperativa.” ed ancora, i lavoratori “…da oltre un mese…. risultano essere in regola con le leggi previdenziali e fiscali..”
    Son rimasto sgomento nel leggere che una violazione delle leggi sia assunta a giustificazione per esprimere solidarietà.
    Rispetto a questo mi permetto una considerazione e qualche domanda.
    La prima. Trovo scandaloso che la provincia abbia finanziato una cooperativa dove i lavoratori sono stati pagati meno dei minimi di legge. Questo si chiama sfruttamento.
    La seconda. Se questa fabbrica è stata affittata per 12 mesi ad un privato chi incamera i soldi dell’affitto? Visto che la cooperativa è fallita i contributi sono stati restituiti alla PAT? e l’ATM (Associazione Trentini nel Mondo)che ruolo ha AVUTO IN QUESTA VICENDA?
    Perchè si è accettato che i lavoratori fossero pagati, nonostante che il contributo di oltre 600.000,00 euro della PAT, meno dei minimi di legge? Per l’ATM non valgono le norme che si applicano alle aziende trentine che ricevono contributi pubblici? O forse l’ATM gode di extra territorialità rispetto alle leggi trentine?
    Dellai ed il consiglio provinciale, prima di esprimere solidarietà, dovrebbero informarsi e provare a rispondere alle semplici domande sopra richiamate.
    Ezio

    Commento di Ezio | 26 marzo 2010 | Rispondi

  5. E’ arrivato il momento che i Trentini si sveglino. Non è possibile accettare lo sperpero dei nostri soldi per arricchire le tasche dei soliti noti. E’ arrivato il momento che i giovani si facciano avanti e scalzino la classe politica DEMOCRISTIANA che da sempre si nutre dei nostri contributi. Tutti dovremo reagire di fronte a fatti di questo genere! A Trento e in trentino c’è la vera mafia e noi trentini siamo il popolo più omertoso d’Italia! Vi rendete conto di quello che si è permesso di fare a Ciro Russo? Ricordo molto bene il giorno in cui assieme al compagno Omar eravamo in piazza Dante con 3 capre e venivamo più derisi dalla popolazione che non compresi. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA!!! Ma la Berasi non sapeva nulla? Dellai dov’era? I conti quando ce li faranno vedere?
    Omar, Ezio, compagni della filcams, Paolo Burli scendiamo in piazza al più presto tutti uniti per cambiare qualcosa! Smettiamo per un pò con le lotte intestine e organiziamoci per la RIVOLUZIONE… Si può fare, si deve fare.

    Commento di walter | 27 marzo 2010 | Rispondi

  6. La normativa in merito alla obbligatorietà di trasparenza delle operazioni permette di consultare in fieri le attività delle organizzazioni e degli enti che si occupano di migrazione – lavoro – cooperazione, il che si traduce nella possibilità per il cittadino di conoscere passo passo quanto accade nei CDA delle stesse org. In Trentino si ripete da tempo il problema della sovrapposizione delle cariche e dei mandati, come ben interpretato dalle mozioni del PD, che in tema si sono pronunciate per proporre una normativa che impedisca agli stessi dirigenti di ricoprire incarichi che possano integrare interessi economici e politici – con la conseguenza della scarsità di trasparenza. Se la politica si occupasse davvero degli interessi della collettività dovrebbe farsi carico di porre delle interrogazioni per fare chiarezza sui mandati e sulla assegnazione delle poltrone e degli incarichi.

    Commento di Alcantare | 27 marzo 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: